Sensori di parcheggio: la guida definitiva

Ti sei mai trovato nella situazione di dover parcheggiare in uno spazio ristretto con la tua autovettura temendo di urtare le macchine accanto a te ed in alcuni casi non sei riuscito ad evitare di rovinare la tua macchina? Forse in quell’istante, hai maledetto il momento in cui per risparmiare, hai rinunciato ad istallare l’utile optional dei sensori di parcheggio nella tua auto.

sensori di parcheggio

Lo sappiamo tutti che i costruttori di automobili per portare il cliente in concessionaria, offrono un prezzo base basso ma poi ti chiedono prezzi elevati per qualsiasi accessorio in più e spesso un accessorio utile per la sicurezza tua e degli altri come i dispositivi di car parking assistence ossia i sensori di parcheggio viene scartato per il suo prezzo elevato oppure perché fa parte di un pacchetto di optional come è successo a me con la mia Opel Astra con allestimento Elective che non prevede i sensori di parcheggio.

Ma come ti spiegherò in questo post non devi preoccuparti anzi puoi avere dei perfetti sensori di parcheggio equivalenti ad un prezzo veramente basso

Ma come ti spiegherò in questo post non devi preoccuparti anzi puoi avere dei perfetti sensori di parcheggio equivalenti ad un prezzo veramente basso

SENSORI DI PARCHEGGIO CHE POTREBBERO INTERESSARTI:

Continua a leggere la guida…

PERCHE ISTALLARE I SENSORI DI PARCHEGGIO?

sensori_posteriori

I sensori posteriori di parcheggio sono un accessorio utile in ogni vettura, camper, fuoristrada, furgoncino o veicolo commerciale. Allertando il guidatore della presenza di ostacoli, contribuiscono ad aumentare attivamente la sicurezza durante le manovre di parcheggio. Dei piccoli sensori vengono montati nel paraurti posteriore della vettura e durante una manovra in retromarcia rilevano gli ostacoli valutando la distanza da quest’ultimi. Il conducente viene avvisato della prossimità di un pericolo con un segnale acustico e/o mediante un display sul cruscotto anche della probabile distanza in centimetri dall’ostacolo.

IN COSA CONSISTONO I SENSORI DI PARCHEGGIO

Sistema_sensore

I sensori di parcheggio servono a segnalarti gli ostacoli che si trovano dietro la tua vettura durante una manovra di retromarcia oppure ti indicano vetture o ostacoli se li monti anteriormente al veicolo aiutandoti durante le manovre di parcheggio ad evitare danni alla tua auto.

L’impianto è costituito da tre elementi fondamentali:

  • I quattro sensori annegati nel paraurti
  • La centralina nascosta nel bagagliaio della vettura
  • Il display e/o cicalino montato sul cruscotto
Il sistema si attiva automaticamente quando viene inserita la retromarcia indicando al conducente la presenza di ostacoli.

Nei sistemi più complessi è possibile istallare anche una telecamera che mediante un monitor posto sul cruscotto oppure integrato nello specchietto retrovisore permette di vedere direttamente gli ostacoli.

Generalmente i sensori di parcheggio e le telecamere posteriori sono costituiti da due impianti separati.

TI INTERESSA UN BUON KIT DI SENSORI DI PARCHEGGIO POSTERIORI?

Guarda i sensori di parcheggio Elettromagnerici Invisibili di PROXEL EPS-Dual 3.0

 

COME FUNZIONANO I SENSORI DI PARCHEGGIO

I sensori ad ultrasuoni emettono un onda sonora non percettibile all’orecchio umano dal retro della vettura che rimbalzando contro gli ostacoli torna indietro verso un sensore ricevitore. In base alla velocita di ritorno la centralina è in grado di valutare la distanza dall’ostacolo. Il sistema viene attivato solamente quando innesti la retro e rimane attivo fintanto che sei in retromarcia. Quando il veicolo si trova a meno di 1,5 metri dal primo ostacolo, un segnale acustico si attiverà emettendo il classico beep. Proseguendo nella retromarcia, la frequenza dei beep aumenta. A 40 centimetri da un ostacolo il suono diventa continuo.

ultrasonic sensor

I sensori di parcheggio possono essere verniciati con vernici spray professionali di alta qualità dell’esatto colore della tua autovettura. Per poter verniciare i sensori di parcheggio della tua autovettura sarà necessario ricercare l’esatto codice colore del veicolo. Un qualsiasi carrozziere potràdarti tutte le informazioni necessarie per determinare l’esatto colore della tua autovettura e magari verniciarti velocemente le teste dei sensori che andrai ad istallare.

Questa è la tecnologia usata dai costruttori di automobili venduta a caro prezzo come optional nelle vetture nuove. L’unica differenza tra questi sensori e i sensori che ti consiglio di istallare  è il prezzo.

car sensor

Negli ultimi anni si sta affermando una nuova tecnologia che è quella dei sensori elettromagnetici. I sensori elettromagnetici consistono in una striscia adesiva lunga 3,50 m e 1 cm di altezza da posizionare all’interno del paraurti, al posto dei tipici 4 sensori ad ultrasuoni. La striscia adesiva all’inserimento della retromarcia viene attivata dalla centralina elettronica e genera un campo elettromagnetico nell’area prospiciente. In presenza di ostacoli il campo elettromagnetico viene perturbato e quindi la centralina risponde attivando il display ed emettendo un segnale acustico.

magnetic sensor Sembrerebbe l’uovo di Colombo ma, il sensore elettromagnetico deve essere applicato alla superficie interna del paraurti e quindi per installarlo è necessario smontare il paraurti. Rimane comunque il vantaggio che non bisogna forare il paraurti che per qualcuno potrebbe essere un problema.

magnetic film

E’ possibile incollare il sensore anche su paraurti dalle forme più svariate. L’unico materiale che viene rilevato con difficoltà è il vetro e la ceramica. Alcuni utenti lamentano anche che il sensore emetta segnali acustici in presenza di forte piaggia. Comunque a parte il prezzo un po’ più costoso si tratta di un ottima tecnologia che consiglio.

SENSORI CON CAVO O WIRELESS: QUALE SCEGLIERE?

Nella maggior parte dei kit, il collegamento tra il display e la centralina è via cavo. In questo caso bisogna far passare il cavo dal bagagliaio posteriore dove è situata la centralina fino al cruscotto, nascondendolo sotto la tappezzeria. La parte più difficile è senz’altro nascondere il cavo sul cruscotto, che probabilmente andrà smontato. In alcuni modelli, il display sostituisce lo specchietto retrovisore, che avrà quindi la doppia funzione di display e specchietto. Esteticamente è molto attraente, ma ha lo svantaggio che il cavo questa volta dovrà passare sotto la tappezzeria del tettuccio. Smontare la tappezzeria del tettuccio è un operazione molto complicata che ha il rischio quasi certo che non si riuscirà mai a riposizionarlo come l’originale. Quindi ti sconsiglio questa tipologia a meno che non riesci a far passare il filo dai bordi della tappezzeria ma questo dipende dalla tua automobile.

Per evitare questi problemi ci sono sul mercato anche kit di sensori di parcheggio wireless con display alimentato a batterie che comunica via onde radio con la centralina. Potrebbe sembrare la panacea ma dalla mia esperienza sebbene i sensori wireless possano sembrare più attraenti, posso sicuramente dirti che sono meno precisi e magari proprio nel momento più inopportuno possono tardare a collegarsi alla centralina. Pertanto li sconsiglio!

I BENEFICI DEI SENSORI DI PARCHEGGIO

I sensori di parcheggio sono un modo fantastico per evitare gli ostacoli nella tua auto, fuoristrada, o veicolo commerciale quando ti risulta difficile vederli. I sensori di parcheggio possono rilevare pali, muri, bicilclette, bidoni, ma anche bambini e animali. Istallando dei sensori di parcheggio puoi prevenire costosi danni al tuo veicolo e agli altri veicoli intorno a te. I sensori di parcheggio rilevano ostacoli che il guidatore del veicolo non è in grado di vedere. Sono veramente poco costosi se paragonati all’alternativa di pagare un costoso danno alla tua macchina e agli oggetti e le cose altrui.

MONTAGGIO DEI SENSORI DI PARCHEGGIO

Puoi decidere di recarti da un elettrauto con i relativi costi oppure puoi decidere di montare da te i sensori di parcheggio.

schema

Nel caso decidi di istallare i sensori di parcheggio da solo ed avessi bisogno di aiuto non crearti problemi a contattarmi e con piacere ti aiuterò gratuitamente a risolvere il tuo problema. In ogni caso tutti i sensori di parcheggio sono facili da istallare in autonomia.

Le fasi per istallare i sensori di parcheggio:

Prima parte

  • Passare da un carrozziere e farsi verniciare con una spruzzatina di vernice del colore giusto il frontale dei sensori
  • Tracciare con un nastro adesivo e un metro lineare la linea dei sensori. Mantenersi a circa 50-70 cm da terra tenendo conto anche della forma del paraurti
  • Tracciare i fori destinati ad accogliere i sensori distribuendoli simmetricamante rispetto all’asse del’autovettura così come indicato in figura. Generalmente due sensori centrali e due sensori laterali magari nel posto dove il paraurti raccorda con le parti laterali.
  • Prima di forare consiglio di incidere un solco nel punto esatto. Procedere con mano ferma alla foratura dei quattro alloggiamenti per i sensori con la fresa generalmente fornita nel kit.

montaggio

Seconda parte

  • Togliere il nastro adesivo. Inserire i sensori nei fori appena realizzati nell’ordine A – B – C – D da sinistra a destra
  • Individua il cavo che porta la corrente alla luce alla retromarcia e inserisci un cavo nell’occhiello collegato al fanale
  • Trova un posto dove posizionare la centralina nella parte posteriore dell’autovettura. Ad esempio nel caso dell’Opel Astra SW essendo dotata di diverse tasche laterali nel bagagliaio, ho intercettato i fili della retromarcia e posizionato lì la centralina
  • Collega nell’ordine A-A, B-B, C-C, D-D i cavi dei sensori che sono dotati di innesto a baionetta quindi non hai bisogno di nulla

Terza parte

  • Decidi dove montare il display sul cruscotto dell’autovettura. Generalmente, il vano che contiene il contachilometri è removibile facilmente quindi basta aprire e infilare il cavo del display e farlo passare da sotto la pedaliera. Io ti consiglio di passare il cavo sotto la tappezzeria lato guidatore sotto le portiere per arrivare al vano centralina
  • Collegare il display al morsetto della centralina
  • Collaudo del dispositivo prima di rimontare tutto
  • Rimonta tutto quanto era stato rimosso.
  • Quando tutto l’impianto risulta correttamente istallato, è necessario fare un test di funzionamento per controllare che tutto sia andato a posto. E quindi:

ENJOY IT!

MANUTENZIONE DEI SENSORI

I sensori di parcheggio fondamentalmente non richiedono alcuna manutenzione. Non è quindi necessario fare nulla tranne controllare che i sensori siano liberi da polvere, neve o fango. Oltre questo questi sensori non richiedono alcuna manutenzione e non ti daranno alcun problema.

Ora prima di passare a una lista veloce di FAQ (domande – risposte) per toglierti tutti i dubbi sui sensori di parcheggio, ti consiglio di scaricare questo breve ebook con tutto quello che devi sapere se vuoi abbinare ai sensori di parcheggio una telecamare posteriore!






FAQ: Tutte le domande più ricorrenti in un unica pagina

Come funzionano i sensori di parcheggio?
Il sistema viene automaticamente attivato quando innesti la retromarcia. Quattro piccoli sensori sono posizionati nel paraurti della tua autovettura. Essi inviano e ricevono un onda ultrasonica che rimbalza indietro incontrando gli ostacoli e tramite un cicalino vieni avvertito della sua presenza. C’é un cicalino interno che gradualmente incrementa la frequenza man mano ci si avvicina all’oggetto. Un suono continuo del cicalino ti avverte che sei a meno di 35 cm dall’ostacolo.

Cosa trovi solitamente nel kit di sensori di parcheggio che acquisti

Il pacchetto completo dei sensori di parcheggio contiene tutto quanto è necessario per l’istallazione:

  • Centralina
  • 4 sensori posteriori e/o 4 sensori anteriori
  • Cicalino e LED
  • Istruzioni di istallazione
  • La punta per forare il paraurti

È facile istallare i sensori di parcheggio

Il kit è già pronto per l’installazione (plug & play). Il sistema richiede due connessioni. Una al faro della retromarcia e l’altra alla massa.

Il kit dei sensori di parcheggio mi scarica la batteria?

NO. I sensori vengono attivati soltanto quando inserisci la retromarcia.

È necessario forare il paraurti della mia autovettura?

Si, la confezione include una punta per forare la plastica.

Il sistema funziona durante la pioggia o la neve?

Il sistema ad onde ultra soniche rileva gli ostacoli, potrebbe dare un falso allarme durante forti piogge o durante una nevicata. Inoltre i sensori hanno bisogno di essere liberi da neve, fango, polvere.

I sensori sono verniciabili?

Si i sensori sono verniciabili. Alcuni usano una bomboletta spray del colore giusto oppure si recano da un carrozziere che trovato il colore giusto vernicia i sensori con una spruzzata di pistola.

Il sistema può suonare continuamente anche in assenza di un ostacolo? Perchè?

Il cicalino può suonare con un singolo beep ogni volta che innesti la retromarcia. Se dovesse suonare in assenza di ostacoli sul retro del veicolo fai questo:

  • Il sensore deve essere montato tra 40 cm e 70 cm da terra (consigliati 50 cm). Se il sensore viene montato troppo in basso o con asse non orizzontale magari rivolto verso il basso può accadere che intercetti il manto stradale dando un falso allarme.
  • Essendo i sensori di ogni kit dello stesso tipo, prova a staccare un sensore alla volta e testa la retromarcia se il problema si ripete è da escludere il problema di quel sensore. Dunque passa a verificare il prossimo.

Per verificare che il sensore non stia rilevando il manto stradale:

  • Ruota lo spessore plastico presente in ciascun sensore in modo da variare di pochi gradi l’asse orizzontale e la direzione a cui puntano

Anche un sensore difettato può causare un problema. Testa ciascun sensore uno alla volta staccando dalla centralina gli altri sensori. Se trovi un sensore guasto puoi acquistarne uno separatamente.

In definitiva parcheggia in pace e tutta tranquilità

I sensori di parcheggio ti aiutano a giudicare la distanza di un oggetto dal retro dell tua auto e ti rendono facile e sicuro il parcheggio. Un kit completo di display, centralina e sensori costa poco, può facilamente essere istallato da te o da un amico, al massimo in un ora da un elettrauto e ti assicura durante le manovre di parcheggio. Non devi preoccuparti dell’estetica in quanto i sensori possono essere pre-verniciati prima dell’istallazione e fanno sembrare la vettura come dotata dei sensori di serie. In definitiva:

Goditi la pace dei sensi durante le manovre di parcheggio e non temere più di rovinare la tua macchina.


 

RIASSUMENDO:

Vantaggi:
Un segnale acustico permette di manovrare anche in assenza della visione diretta del conducente
Provvedono ad un allerta istantanea per un potenziale pericolo Provvedono ad un allerta istantanea per un potenziale pericolo
Rilevano sia oggetti fissi che in movimento
Potenzialmente sono adatti per tutti i tipi di veicolo
Sono ottimi per aiutare il parcheggio in spazi ristretti
Svantaggi:
Può accadere che a causa di erba alta, pendii ripide ecc. ci siano falsi segnali
I conducenti potrebbero far l’errore di ignorare l’allerta
I bambini potrebbero continuare a muoversi dietro la vettura in retromarcia

Sistemi poco preformati possono attivarsi in ritardo all’inserimento della retromarcia

In alcuni casi non sono abbastanza veloci nel segnalare l’ostacolo

CONCLUSIONE

E con questo spero di averti fornito tutte le informazioni utili per scegliere ed istallare correttamante i sensori di parcheggio che fanno al caso tuo. Ora se hai letto questa guida e sei soddisfatto delle informazioni che ti ho fornito sui sensori di parcheggio dovresti aver capito che i sensori di parcheggio spesso vanno in coppia con le telecamere posteriori quindi scarica:

La guida alle telecamare posteriori auto